sei in Repertori >> cronologia di giuseppe francesco borri

 

 

Cronologia di Giuseppe Francesco Borri:
medico, profeta, alchimista

 di Paolo Colussi

Giuseppe Francesco Borri (1662)
incisione di Pierre Louis van Schuppen da Jürgen Ovens

 

 

1627
4 maggio

Nasce a Milano Giuseppe Francesco Borri. Il padre Branda Borri è medico e si dedica alla chimica per creare nuovi farmaci. La madre, Savinia Morosini, morirà nel dare alla luce Cesare, il secondogenito, nel 1630.

1644
Il Borri si trasferisce a Roma per frequentare il Seminario dei Gesuiti. Cassiano Dal Pozzo, il celebre medico e alchimista, lo sorveglia per conto del padre.
20 maggio
Il cardinale Monti istituisce la Casa di Santa Pelagia dov'era l'ospedale di S. Simpliciano, ormai vuoto. E' un Ricovero di Convertite assistite da volontari.
Giacomo Filippo Consolo (Casolo) - un laico che aveva pronunciato i voti di povertà, castità e obbedienza sotto la guida del gesuita Alberto Alberti - fonda un oratorio presso la Casa di S. Pelagia. Vi si radunano molti giovani seguaci, detti "Pelagini", che seguono le dottrine e le pratiche quietistiche. L'iniziativa si diffonde anche nei territori di Brescia e Bergamo ma viene presto contrastata dalle autorità religiose locali.

La Casa di Santa Pelagia

La Casa di Santa Pelagia si trovava sull'attuale Corso Garibaldi, dove è stata aperta la nuova via Delio Tessa.

1646
Athanasius Kircher pubblica l’Ars magna lucis et umbrae. Nel 1652 pubblicherà l’Oedipus aegyptiacus. Nel Collegio Romano, dove studia il Borri, a partire dal 1651 crea il celebre Museo.

Il Museo di Athanasius Kircher al Collegio Romano

1649
16 marzo

Francesco Giuseppe Borri guida una rivolta studentesca nel Seminario dei Gesuiti a Roma. Viene espulso dal Seminario. Resta a Roma, dove durante l’Anno Santo opera in S. Maria Maggiore come “chemiatra” curando i pellegrini malati con medicamenti da lui preparati.

1653
Il Borri a Roma è al servizio del conte (poi marchese) ferrarese Federico Miroli o Mirogli. Raduna un gruppo numeroso di seguaci di un credo “rationale et evangelico”.

1654
23 luglio

Il Borri, mentre predicava ai seguaci, viene ad una rissa con le guardie e si deve rifugiare a S. Maria Maggiore, dove si stavano manifestando le prime forme italiane di “quietismo” (padre Giovanni Antonio Solazzi da Vetralla). A S. Maria Maggiore ha la visione di una palma circondata di lumi che gli annuncia che avrebbe avuto lo spirito profetico, seguita da un terremoto e dall’apparizione dell’Arcangelo Michele e di S. Paolo.
20 novembre
Cristina di Svezia arriva a Roma. Il conte Mirogli e il marchese di Palombara fanno parte del suo circolo.

Cristina di Svezia

1656
estate

Dalla Sardegna arriva a Roma la peste. Borri fugge a Milano. Prima di partire trova rifugio presso il marchese di Palombara al quale lascia le carte con i segni che il marchese farà scolpire sulla Porta Magica.

La Porta Magica in piazza Vittorio a Roma

16 giugno
Il capo dei Pelagini, Giacomo Filippo Casolo (Casola), muore in carcere. Borri ne raccoglie l’eredità. Attorno a lui ci sono 12 “apostoli”, quasi tutti appartenenti al basso clero.

1658
12 febbraio

Prima denuncia al cardinale Alfonso Litta contro Borri e il suo gruppo di Pelagini. Iniziano le indagini. Il 26 febbraio Borri è convocato in Arcivescovado, interrogato e rilasciato. Il 28 febbraio lascia Milano, si rifugia nei Grigioni e alla fine dell’estate raggiunge Innsbruck.
Nel successivo processo contro di lui, le accuse parlano di una manifestazione in piazza del Duomo dei Pelagini guidati da Francesco Giuseppe Borri e di istigazione ad assaltare l'arcivescovado per liberare i compagni e di prendere il palazzo ducale per abbattere il governo spagnolo.

1659
2 marzo

L'inquisizione convoca entro nove giorni Francesco Giuseppe Borri che l’anno prima aveva precipitosamente lasciato Milano per i Grigioni. Gli altri accusati sono sei aderenti all'oratorio di S. Pelagia.
giugno
Borri lascia Innsbruck con l’aiuto dell’Arciduca che non poteva più esimersi dal consegnarlo all’Inquisizione e si rifugia a Strasburgo, città protestante, dove riscuote un grande successo come medico miracoloso per i suoi farmaci, soprattutto l’”Unguento di Talete”.

1660
Borri pubblica a Strasburgo l’opuscolo Gentis Burrhorum Notitia sull’origine “consolare” dei Borri.
18 agosto
Muore a Milano Branda Borri, per il dolore per la sorte del figlio.

1661
2 gennaio

Lettura della sentenza di condanna a morte in contumacia a Roma. La sua effige viene impiccata e bruciata in Campo dei Fiori.
26 marzo
Cerimonia di abiura in Duomo dei sei seguaci del Borri, arrestati nel 1659. Solo uno - Carlo Mangino - non vuole abiurare. Altri quattro erano già stati condannati a Roma il 2 gennaio precedente assieme al Borri "in effige" . L'episodio è descritto minutamente nelle Memorie storiche milanesi di Marco Cremosano dall'anno 1642 al 1691.
dicembre?
Da Strasburgo il Borri si trasferisce in Olanda, ad Amsterdam. Oltre alle manovre del Vaticano, lo costringono a trasferirsi medici e farmacisti locali, invidiosi del suo successo. Ad Amsterdam vive in modo signorile in una ricca casa. Due lettere da Amsterdam del 15/02/62 e del 8/06/63 parlano della fabbricazione dell’oro e dell’argento. Inizia i suoi esperimenti sugli occhi. Due ritratti del pittore e incisore Jurgen Ovens.

1664
Borri lascia l’Olanda per Copenhagen dove è accolto alla corte del re Federico III. Qui ottiene grandi successi. Come dice lui stesso: “sono amato dal re di Danimarca, stimato da’ Grandi, riverito da’ piccoli e mi trovo in autorità, e quello che è meglio co’ molti contanti in saccoccia”.

Federico III di Danimarca

Sono pubblicati a Colonia gli Specimina Quinque Chymiae Hyppocraticae, scritti alchemici di Francesco Giuseppe Borri, dedicati all’olandese Ole Borch (Olaus Borrichius).

1666
estate

A Copenhagen incontra il Gran Danese che gli spiega il mistero di Gnomi (Terra), Ninfi (Acqua), Salamandri (Fuoco) e Silfi (Aria) [in sostanza la teoria esposta da Paracelso nel De Nymphis].

1669
Borri pubblica a Copenhagen Epistolae duae ad Bartholinum sugli occhi e sul cervello.

Nelle collezioni reali del Castello di Rosenborg a Copenhagen c'è un pezzetto d'oro che la tradizione vuole sia stato prodotto in modo alchemico da Giuseppe Borri (Burrhi per i danesi).

1670
9 febbraio

Muore Federico III di Danimarca. Gli succede il figlio Cristiano V. Il Borri parte per la Turchia ma viene fermato al confine con l’Ungheria come sospetto di appartenere ad una congiura contro l’Impero. Portato a Vienna il 4 maggio, è richiesto dal papa e tradotto a Roma dove è rinchiuso a Castel Sant’Angelo.

Papa Innocenzo XII1671
Viene pubblicata a Ginevra la Vita, Processo e sentenza di Francesco Borri, milanese attribuita a Gregorio Leti.

1672
25 settembre

Dopo un nuovo processo che lo salva dal rogo, ma lo condanna al carcere a vita, il Borri deve abiurare in S. Maria sopra Minerva.

1681
Viene pubblicata a Colonia La chiave del gabinetto del Cavagliere Francesco Giuseppe Borri. Una raccolta di lettere, in parte apocrife o traduzioni di lettere di altri autori. In calce la Breve relazione della vita del Cavagliere Gioseppe Francesco Borri milanese, una biografia del Borri scritta dallo scrittore libertino Giovanni Gerolamo Arconati Lamberti.

1695
13 agosto

Muore a Roma, nelle prigioni di Castel Sant'Angelo, l'alchimista milanese Giuseppe Borri.
Era stato arrestato in Moravia nell'aprile 1670 ed aveva abiurato a Roma il 25 settembre 1672. Dal 1672 al 1691 aveva goduto della semilibertà che gli aveva consentito di curare numerose personalità romane. Il papa Innocenzo XII (vedi ritratto a sinistra) aveva poi ripristinato il divieto di uscire dal Castello e di ricevere visite.

1876
Borri (Burrhi) compare come un personaggio del romanzo Maria Grubbe di Jens Peter Jacobsen.

 

Approfondimenti in rete

Per la Porta Magica di Roma vedi Wikipedia e Le site de Melmothia (in francese) con la spiegazione dei simboli e delle iscrizioni.

La biografia di Giuseppe Francesco Borri del Dizionario Biografico degli Italiani, con ampia bibliografia, è reperibile in rete a questo indirizzo: www.treccani.it/enciclopedia/francesco-giuseppe-borri_(Dizionario-Biografico)/.
Vedi anche:
- Giuseppe Francesco Borri tra fornelli e Salamandre di Massimo Marra con Due lettere sul commercio cabalistico col mondo elementare del Borri.
- La carriera di un alchimista ed eretico del Seicento: Francesco Giuseppe Borri tra mito e nuovi documenti di Lisa Roscioni.

Libri

- Borri, Giuseppe Francesco, Il libro del Cavalier Borri (a cura di Alessandro Boella e Antonella Galli), Roma, Edizioni Mediterranee 2012
- Calvari, Decio, F. G. Borri di Milano. Filosofo ermetico del sec.XVIII, Milano, Libreria editrice del Dr. G. Sulli Rao, 1907
- Cosmacini, Giorgio, Il medico ciarlatano. Vita inimitabile di un europeo del Seicento, Roma-Bari, Laterza 1998
- Armocida, Giuseppe, Potere e scienza nel secondo Seicento: Bartolomeo Arese e Francesco Giuseppe Borri, in Spiriti, Andrea (a cura di)L'occhio nuovo: occhiali, microscopi e cannocchiali: arte e scienza fra '600 e '700, Cesano Maderno, Palazzo Arese Borromeo, 2 giugno-14 luglio 2002, p. 49 sgg.

 

Ultima modifica: sabato 16 giugno 2012

paolo.colussi@rcm.inet.it