sei in La città >> Porta Orientale >> palazzo fontana silvestri

 

Palazzo Fontana Silvestri

di Maria Grazia Tolfo

 

 

Uno dei palazzi più cari ai milanesi lungo il corso di Porta Venezia (n. 10-12-14, retro in via S. Damiano 7-9-11), Casa Fontana-Silvestri, con l'aria sobria ma festosa dei palazzetti rinascimentali, racchiude il sé un intrigante interrogativo: è opera ascrivibile a Donato Bramante? (Vedi schede sul Bramante in italiano: in inglese: in spagnolo: ) Sfortunatamente, infatti, non sappiamo con precisione né chi furono i proprietari, né chi si occupò dell'architettura e della decorazione pittorica.

A venirci incontro nell'identificazione del proprietario ci resta solo uno stemma, ripetuto nei capitelli del portico e nelle decorazioni dei saloni: una fontana a due bacini, appartenente alla famiglia dei De Fontana o, più semplicemente, Fontana. E' un cognome molto rappresentato a Milano, anche in famiglie altolocate che potevano permettersi un palazzetto di tutto riguardo come questo. Dei Fontana fu dal 1466 al 1482 la custodia della Porta Orientale, con annessa casa di guardia. Ma chi erano i Fontana proprietari dell'edificio di cui ci occupiamo? Gli unici documenti di cui disponiamo per ricostruire la storia della proprietà dell'edificio sono i testamenti, dai quali si può ragionevolmente risalire a Francesco Fontana quale committente dei lavori rinascimentali nel palazzo omonimo.

Più difficile identificare con precisione gli artisti che lavorarono alla riedificazione e alla decorazione dell'edificio. Lomazzo assegna le pitture a Bramante, Vasari le attribuisce al Bramantino; problemi sussistono per stabilire se il progetto architettonico e decorativo fu unitario o realizzato in fasi successive; anonimo è rimasto l'autore del portale e della parte scultorea del cortile interno, dove predomina il motivo della candelabra: si è fatto il nome di Tommaso da Cazzaniga, ma per motivi esclusivamente stilistici.

 

Il magnifico Francesco

Il primo proprietario documentato della casa è Matteo Pirovano, figlio di Filippo. I beni immobili di Porta Orientale gli erano pervenuti in eredità dalla madre, Clara Casati, la quale li aveva ricevuti dalla sorella Caterina, terza moglie di Gerolamo Fontana, abitante a Porta Vercellina. Gerolamo era l'erede universale di Francesco Fontana, che sappiamo aver abitato per alcuni anni a Porta Orientale, in parrocchia di S. Babila intus. E' stato quindi attraverso una ricerca a ritroso nei documenti che si è giunti a identificare il proprietario che lasciò il suo stemma nella decorazione del palazzo.

Francesco Fontana di Chiari (BS), medico, figlio di Giovanni Bettino, sposò Jacopa dei Quattrocastelli e successivamente Ursina Vignola. Entrò in possesso della casa in Porta Orientale pochi anni prima del 1486, quando ottenne la cittadinanza milanese. Divenne membro del consiglio segreto nel 1490 e commissario "sopra le monete"; nel 1495 ottenne la carica di senatore. Fu molto apprezzato come diplomatico, tanto che lo si trova come oratore della Corte Ducale presso il re Mattia Corvino di Ungheria, per il quale trattò il matrimonio con Beatrice d'Aragona. Morì a Milano il 13 novembre 1504 all'età di 70 anni.

Nel 1502, in un momento in cui era in collera col figlio Gerolamo, Francesco redasse un testamento nel quale lasciava la sua bella casa di Porta Orientale all'Ospedale Nuovo, affinché venisse venduta a scopi benefici. Questo provvedimento punitivo rientrò già con il secondo testamento del 1503, dopo la riappacificazione col figlio Gerolamo, ma da un terzo testamento risulta che comunque dopo il giugno 1504 Francesco aveva lasciato il palazzetto di Porta Orientale per trasferirsi a Porta Vercellina. In questi documenti vengono citate le sorelle Giovanna, sposata a Alberico de Fontis e Lucia, vedova di Antonio de Maninis, e i suoi figli Gerolamo, erede universale, Vittoria e Clara, monache.

Gerolamo figura in un documento del 6 febbraio 1492 tra i collaterales equitantes banchi et stipendiatorum del Duca, ossia tra i preposti agli organi di controllo, che collaboravano coi maestri delle entrate. Aveva sposato in terze nozze Caterina Casati, ricordata nel testamento redatto nel 1522 nella sua abitazione di Porta Vercellina. Quindi sembrerebbe di arguire che Gerolamo non abitasse nella casa di Porta Orientale, che rimase di sua proprietà ma probabilmente affittata a terzi, tra cui gli Scaccabarozzi.

Gerolamo lascia eredi Giovanni Antonio e Marc'Antonio, figli naturali e minorenni che vorrebbe legittimare. Ma qualcosa deve essere andato storto, perché i due ragazzini scompaiono dai documenti e dalla storia e il palazzo viene ereditato dalla moglie di Gerolamo, Caterina Casati.

La permanenza dei Fontana nella casa di Porta Orientale può essere quindi giustificata fino al 1504, quando si trasferirono ad abitare a Porta Vercellina. La data è interessante per definire tra il 1485 e il 1502, anno del primo testamento, i termini di tempo in cui furono commissionati i lavori di rifacimento.

Una dimora umanistica

Il nucleo primitivo

L'edificio rinascimentale voluto da Francesco Fontana è il riadattamento di due preesistenti piccole case limitate al corpo di fabbrica lungo la strada. Qualche traccia di questa veste primitiva è riaffiorata durante i restauri del dopoguerra e, secondo un discutibile criterio di restauro, si è voluto lasciarne la documentazione in evidenza.

Le diverse fasi di costruzioneLa casa più antica è collocata a destra dell'attuale portale. Mostra due arcate a piano terra (A), che poggiano a 1.20 m sotto il piano di calpestio. Di questo edificio, risalente alla fine del XIII secolo, sembra che facesse parte anche una finestra a tutto sesto al piano superiore (A). Un secondo e più radicale intervento si ebbe nei primi decenni del Quattrocento, quando si elevò il livello stradale, si chiusero le due arcate per aprirvi quattro finestre a pianterreno (C) e due finestre a sesto acuto nel piano superiore (B). Mancano però tracce dell'ingresso, forse collocato in una casa contigua. Possiamo farci un'idea dell'insieme confrontando questa ultima versione con il superstite Collegio Castiglioni di Pavia (oggi Collegio universitario femminile Castiglioni-Brugnatelli), realizzato dopo il 1429 unificando due case di proprietà di Pietro Filargo, e con casa Pisani di Corbetta.

All'interno, sul lato nord del cortile, si è rintracciata una decorazione a strisce rosse e bianche che profilava una composizione scomparsa. Questa decorazione si stende presso le arcate a sesto acuto e risale verso le finestre del piano superiore.

La casa a sinistra del portone sembra essere più recente. La finestrella rettangolare (D) con la cornice in cotto è assegnabile all'inizio del Quattrocento.

 

L'edificio rinascimentale. L'architettura

Pianta dell'edificioQuesti due primi piccoli edifici vennero unificati in un'unica facciata verso la fine del Quattrocento, aggiungendo due corpi laterali, in modo da ottenere un complesso di forma irregolare a C attorno a un cortile trapezoidale porticato su tre lati. L'accesso non simmetrico nella facciata, che si infila direttamente nel lato sinistro del portico, conferma che l'architetto dovette adattare la costruzione a delle preesistenze.

La nuova dimora ripropone lo schema in voga: due ordini di finestre incorniciate in cotto, quadrate in basso, a tutto sesto e centinate in alto, come nell'esempio dello scomparso palazzo Marliani, edificato negli stessi anni. Le finestre quadrate del piano terreno hanno contorni di cotto lavorato a motivi vegetali e palmette, secondo il tipo comune nel Quattrocento. Incorniciate di cotto sono pure le finestre arcuate a pieno sesto nel piano superiore, che secondo il Beltrami dovevano in origine essere bifore. Il motivo degli oculi sotto gronda, in asse con le finestre sottostanti, è anche tipico di queste costruzioni.

Facciata prima del restauroL'elemento unificante dei due diversi palazzi originari divenne il portale in pietra d'Angera, incorniciato da due colonne a candelabra montate su alti stilobati. Il motivo della candelabra è dominante in tutto l'edificio sia nella parte scultorea sia nella decorazione pittorica. Nei pennacchi a fianco delle colonne sporgono due medaglioni a profili imperiali, identificabili con Nerone a destra e Galba (?) a sinistra. Il Mongeri attribuì il portale a Tomaso da Cazzaniga, che con Benedetto Briosco scolpì nel 1486 l'arca dei Brivio in S. Eustorgio (vedi scheda).

Il cortile del palazzoLa facciata con le diverse tipologie di finestreAll'interno si apre il cortile, recinto su due lati da portici a quattro arcate ciascuno e sul terzo lato da un portico, aperto in epoca posteriore, sovrastato da una serie di finestre. I capitelli corinzi con targhe a testa di cavallo recano le descritte insegne araldiche dei Fontana. I pennacchi degli archi contengono i clipei con le teste dei duchi di Milano e di imperatori romani.

Ai due lati del cortile, al piano superiore, è stato ripristinato un loggiato ad archi in corrispondenza con le colonne dei portici sottostanti. Le candelabre che reggono le arcate a tutto sesto hanno una base classica, con fusto a bulbo decorato, capitello a foglie e volute: sono ritenute forse le più belle del Rinascimento in Lombardia. La parete sopra le arcate del portico presenta un fregio dipinto in terra verde a motivi vegetali e delfini. La parte superiore della parete nord è ornata con una finta loggia e sfondi simulanti marmi venati, nei colori rosso, verde, giallo e bianco.

 

La decorazione della facciata

La decorazione della facciata nella ricostruzione del 1906Il pregio singolare della fronte è la decorazione pittorica che la rivestiva, ormai fortemente deperita; dalle tracce che ancora ne restano è possibile ricostruirne almeno idealmente il concetto generale.

La pittura fu adottata per mascherare la giuntura dei due sottostanti edifici. Fu dunque sovrapposta alla facciata reale una partitura classica, costituita da un doppio ordine: semicolonne tornite accostate a paraste (a piano terreno); marcapiano a doppia cornice e fregio decorato e con medaglioni; paraste decorate alla lombarda (al piano superiore); e infine fregio monocromo sottogronda con motivo ornamentale di putti, tritoni e sirene corrente tra gli oculi, alternati a busti clipeati. Singolari erano i capitelli corinzi dipinti di bronzo dorato, lo stesso colore usato per le quattro figure monumentali al primo piano.

La decorazione era ancora visibile nel secolo scorso; oggi ci è nota grazie a una ricostruzione grafica fatta da F. Frigerio nel 1906.

La esaltò il Lomazzo (vedi schede ) nel Tempio della pittura, attribuendola al Bramante: "Non sono da passare sotto silenzio le pitture con grandissima ragione proportionate di Bramante...nella facciata dei Pirovani in Milano in Porta Orientale ove si veggono le figure con tanta maestà di moto, che tutti i pittori se ne possono confondere e meravigliarsi non che disperare a gran prezzo raggiungere. E sono il Po in guisa di re per essere egli il capo di tutti i fiumi, il quale tiene nella manca il cornucopia, nella destra l'asta col vaso in cima et Amfione il quale canta nella lira. Et vi sono ancora due figure assise, una delle quali è Giano edificatore di Genova col suo dominio in mano, e nell'altra è il Valore dell'Italia tutto ignudo col bastone in mano siccome quello ch'è superiore a tutti gli altri dominij et provincie".

In un salone al piano terreno si rimirava un fregio di teste virili entro clipei, alternati a tritoni, sirene e putti intrecciati a girali d'acanto, dove in un tondo al centro di ogni parete ritornava l'arma dei Fontana. Al di sotto tra lesene a candelabra si stendevano vasti comparti con figure allegoriche su paesaggi, ricoperte da una pesante tappezzeria in cuoio e ritornati alla luce con il bombardamento del 1943. La decorazione della stanza era un'allegoria musicale: i tritoni suonavano strumenti a corda, le figure sottostanti suonavano un violino, timpani, altri strumenti a corda e a fiato.

L'intero ciclo venne donato da Maria Silvestri alle Raccolte Civiche del Castello Sforzesco e si trova esposto nella Sala XVII. L'incendio ha però completamente cancellato la colorazione primitiva, ricca di azzurri, turchini e di sfumature nel chiaroscuro dei volti. Questa decorazione era stata effettuata sopra una parete in origine decorata a graffito.

 

Interpretazione iconografica

Proprio il programma decorativo ci permette di avanzare qualche ulteriore ipotesi circa il periodo di esecuzione e di precisare gli intenti pubblicitari del committente.

Secondo quanto riportatoci dal Lomazzo, la facciata sarebbe stata dipinta ad architettura con quattro nicchioni entro i quali si trovavano altrettante figure gigantesche in color bronzo, ad imitazione di statue. La più interessante per determinare la datazione può essere considerata quella di Giano (Ianus), ritenuto per omonimia il fondatore di Genova. La città marinara, sottrattasi al dominio sforzesco nel 1478, fu riconquistata nel 1487. L'evento era di capitale importanza e meritava di essere immortalato nella facciata della casa di un uomo in procinto di entrare (o appena entrato) nel ristretto consiglio segreto del duca (1490). Dipingere Giano che sostiene Genova prima del 1487 poteva suonare come una provocazione, potendo il pittore limitarsi a raffigurare la divinità nella sua attribuzione classica, ossia come dio del passaggio, dell'entrata e uscita, come protettore delle porte piuttosto che come fondatore di Genova. Quindi, lo Stato al quale apparteneva il committente della decorazione si spingeva fino a Genova e aveva la sua spina dorsale nel maggior fiume d'Italia, il Po, raffigurato con la corona di canne.

Anfione, re di Tebe col fratello Zeto, era qui dipinto con la sua lira: grazie al potere della musica le pietre si organizzarono da sole a formare le mura di Tebe. L'importanza della musica è sottolineata anche all'interno dell'edificio, nelle allegorie ora trasferite al Castello Sforzesco. Sono anni di grande successo per la musica a Milano: dal 1484 Franchino Gaffurio dirige la cappella del Duomo e insegna teoria musicale al Gymnasium Mediolanense.

L'ultima personificazione, il Valore, secondo il Lomazzo rappresentato nudo, dovrebbe simboleggiare la superiorità intrinseca - in questo caso -dell'Italia, che non necessita di armature o di altre coperture per imporsi, bastandole la sua tradizione.

Riassumendo il messaggio pubblicitario della decorazione di facciata: orgoglio di appartenere a uno stato che non ha bisogno di ricorrere alla forza né per la conquista, né per la sua protezione, essendole sufficiente una "lira".

A completare questa presentazione dello status sociale del proprietario si aggiunge il valore simbolico della candelabra, l'elemento che ricorre insistentemente in tutto il palazzo. Il motivo deriva dai monumentali candelabri marmorei romani che appartenevano alla categoria dei costosi arredi architettonici sacri, funebri e profani. Nelle ville doveva accrescere auctoritas, maiestas e dignitas dell'ambiente. Nel recupero della classicità Piero della Francesca aveva usato il candelabro come colonna ad Arezzo, quale sostegno del trono di Cosroe. Coi pittori veneziani del gruppo dei Bellini il motivo ornamentale del candelabro trova un'ampia diffusione, rilanciata anche dalla corte di Ferrara, dove i pittori di ornato usano in tutte le combinazioni possibili questa pittoresca colonna, che entra in modo dirompente nella scenografia architettonica. In Lombardia viene applicata dipinta, scolpita su lesene o funge da supporto architettonico a monumenti funebri, portali, portici e finestre. All'epoca in cui si costruisce casa Fontana la candelabra era già entrata a far parte del gusto locale e connotava chi la usava come una persona di cultura umanistica, dotata di auctoritas e dignitas.

Un'opera di Bramante o bramantesca?

Tenendo una data appena posteriore o coincidente col 1487 per la decorazione della facciata, consideriamo se è plausibile assegnarla a Donato Bramante, secondo quanto affermato dal Lomazzo.

Come risaputo, Bramante aveva lavorato alla prima grandiosa opera di illusionismo prospettico a Urbino, nello studiolo di Federico da Montefeltro. Nel 1477, trasferitosi a Bergamo, affrescò la facciata del palazzo del Podestà con una complessa architettura prospettica, articolata con paraste e nicche nelle quali erano collocate monumentali figure di filosofi. Il tema della decorazione era quello dei Sette savi dell'antichità, tema di origine medievale che non comportava un elenco univoco di filosofi (fissi erano solo Chilone e Pittaco); alle figure furono aggiunte delle scritte scelte dal committente come monito al buon governo. Di tutta la decorazione si è salvato frammentariamente il solo Chilone, trasportato nel salone del Palazzo della Ragione. Questa decorazione sembrerebbe costituire un modello per quella di palazzo Fontana, tanto più che lo scopo era anche qui quello di adattare sottostanti edifici medievali ai nuovi parametri stilistici.

Secondo un'ipotesi di A. Bruschi, uno dei maggiori studiosi di Bramante, tra l'urbinate e Ludovico il Moro correvano rapporti se non di amicizia di conoscenza e di stima, per cui si suppone che l'architetto arrivasse a Milano in coincidenza col ritorno di Ludovico nel settembre del 1479 dopo il suo esilio in Toscana. Lo troviamo intorno al 1482 a dirigere il cantiere di S. Maria presso S. Satiro, dove lavoravano l'Amadeo come architetto, il de Fondulis come decoratore di terrecotte e il Bergognone come pittore.

Gli uomini d'armeGli uomini d'armeAffine alla decorazione di casa Fontana e datata presso a poco agli stessi anni è quella di casa Panigarola in via Lanzone, che Bramante eseguì su commissione di Gasparo Visconti. Anche qui, come a Bergamo e in casa Fontana, troviamo figure gigantesche sotto nicchie, Uomini d'Arme, ora al Castello Sforzesco. In tutte queste decorazioni si nota una certa uniformità, ma niente che giustifichi una diretta esecuzione da parte di Bramante, che lavorava di solito come prospettico insieme a pittori di figura.

C'è infine un'ultima considerazione da fare: le figure gigantesche di casa Fontana sono malamente sovrapposte alle lesene, lasciando supporre che a un primo progetto decorativo di facciata si aggiungessero le figure in un secondo momento, cercando di adattarle nel miglior modo possibile. Anche le Allegorie della Musica del salone non sembrano di grande qualità artistica, tanto da poter escludere la paternità del Bramante. Essendo ormai completamente scomparse le quattro figure di facciata, continua a rimanere solo la testimonianza del Lomazzo circa l'attribuzione al Bramante dei lavori in casa Fontana. Sembrerebbe che l'Urbinate si sia occupato del progetto di architettura prospettica dipinta, ad imitazione di architetture nuove come casa Marliani, inserendo solo in un secondo tempo gli affreschi in facciata, probabilmente in conseguenza di un avvenimento che necessitava grandi festeggiamenti (come la riconquista di Genova?).

 

Un'eredità tutta femminile. I Pirovano

Passiamo ora brevemente a esaminare la storia successiva del palazzo. Per un breve periodo tra gli abitanti della casa figurano gli Scaccabarozzi, senza che vi siano tracce della loro permanenza, poi passa ai Pirovano, come abbiamo visto.

Filippo Pirovano, decurione, aveva l'incarico di distribuire il sussidio regio. Fu anche oratore per l'Italia alla corte di Carlo V. Il suo primogenito Giacomo fu senatore (nel 1530); Matteo, uomo facoltoso, fu questore e magistrato straordinario delle Entrate.

L'area del palazzoNel 1556 Matteo acquista una casa e un terreno con sostra dai fratelli Ermes e Gerolamo Pallavicini di Bogone, ramo estinto; il contratto verrà successivamente contestato e darà origine a un groviglio di ricorsi perché Matteo aveva chiuso il passaggio ai cavalli che si recavano ad abbeverarsi al Naviglio. Per le manovre del Pirovano, i vicini non poterono mai ottenere udienza dal Magistrato, così che, come si legge in un memoriale del 1563 "stracchi i poveri vicini sono stati costretti soprassedere sino ad hora che detto Matteo con favori ha quasi forzato gli heredi di Antonio Carcassola et Ludovico d'Adda che havevano una sostra coherente a detta strada a vendere la detta sostra ad una sumissa persona di detto Matteo". La proprietà dei Pirovano giunse così a inglobare una parte del terraggio di S. Damiano con l'accesso a un piccolo porto sul Naviglio.

Paolo Lomazzo nella sua opera Idea del tempio della pittura del 1590 indica l'edificio come appartenente ancora a Matteo Pirovano.

L'ultima dei Pirovano a possedere la casa è Isabella, figlia di Uberto; si sposò a quindici anni col conte Landriani, ma rimase presto vedova, come appare dalla sua richiesta del 1635 di poter liberamente amministrare i suoi beni. A diciotto anni Isabella si risposò col conte Guido Antonio Stampa di Moncastello. La casa Fontana-Pirovano divenne per tutti casa Stampa e così è citata da tutti gli autori settecenteschi di storia milanese.

Dagli Stampa e Castiglioni ai Silvestri

Il Latuada nella sua guida riferisce che in questo palazzo abita il conte Carlo Stampa, consigliere di Stato, Generale di Fanteria e Comandante di Artiglieria.

La pronipote di Isabella Pirovano, Isabella Stampa sposò il marchese Gerolamo Castiglioni e portò nella famiglia Castiglioni il fide-commisso Pirovano di cui era erede. Un loro nipote, Giuseppe Castiglioni, visse di luce riflessa dalla moglie Paola Litta Visconti Arese, immortalata nella poesia del Parini. Paola aveva donato al poeta i sei volumi delle tragedie dell'Alfieri nell'edizione parigina del 1788 ed egli le aveva dedicato le odi Il dono (testo) oltre a La recita dei versi (testo).

Durante la Restaurazione il palazzo ospitò il Consolato d'Inghilterra.

Nel 1868 la casa perviene in proprietà dei Silvestri. Il senatore Giovanni Silvestri, nipote per parte materna dell'ing. Sarti, aveva costruito il tronco della ferrovia Milano-Monza con stazione a Porta Vittoria. Suo padre aveva fatto parte del'industria meccanica Comi, Grondona & C., divenuta poi Miani & Silvestri e infine O.M. (Officine Meccaniche), della quale Giovanni era presidente.

Erano famosi i ricevimenti dati dai Silvestri nella loro casa: vi parteciparono i magnati dell'industria di tutto il mondo e perfino qualche sovrano.

Le fasi successive e l'ampliamento verso il Naviglio

Si deve alle famiglie Stampa di Moncastello e Castiglioni la riedificazione della casa verso il Naviglio con veste settecentesca e la decorazione neoclassica all'interno.

Veduta del corso di Marcantonio Dal ReDue incisioni della serie di M.A. Dal Re del XVIII secolo mostrano la casa Stampa: la prima illustra in primo piano palazzo Arese, seguito da palazzo Stampa, da costruzioni più basse e infine da un fabbricato addossato alla torre di destra della Porta Orientale, torre che sembra ridotta a casa di abitazione. La seconda incisione riproduce la parte verso il Naviglio di S. Damiano, adorna di numerose finestre sormontate da una decorazione rococò. Il giardino è contenuto sulla sinistra da un fabbricato merlato, imitazione medievale realizzata nel Settecento per magazzini. Sulla destra il giardino è delimitato da un palazzotto settecentesco a due piani che termina e risvolta su un vicoletto.

Veduta del palazzo dal naviglio di S. DamianoA questa fase corrispose all'interno la decorazione architettonica a stucchi dorati e una serie di affreschi - distrutti - dell'Appiani e del Traballesi. Il Nicodemi così la ricorda: "Inizia qui la collaborazione dell'Appiani con Traballesi in varie case di Milano... Il Traballesi nel soffitto della stanza ha la solita durezza di disegno, che lo squisito languore delle tinte leggermente rosate maschera con incomparabile grazia. La pittura dell'Appiani, oltre al disegno qui corretto rivela un notevole progresso tecnico quanto alle ombre. La pittura di quel tempo poneva regolarmente la luce come se venisse da due parti. Una luce più debole, appena avvertibile a volte, veniva dal fondo e, dove sono le figure, che indicano il soggetto del dipinto, s'incontrava con quella assai più forte, proveniente dal lato dove si trovava lo spettatore". Di tutta la decorazione interna restano solo i dipinti attribuiti al Bossi e al Traballesi ora nella villa Pizzo, che ornavano un salone a Milano. E' probabile che la committente sia stata la marchesa Paola Castiglioni, nata Litta Visconti Arese, in rapporti di stretta amicizia col Parini, che potrebbe aver suggerito al poeta le composizioni. Al Parini non era insolito questo compito, affrontato anche nel Palazzo di Corte, in palazzo Greppi, in palazzo Confalonieri e nella Villa Belgioioso.

La facciata verso il Naviglio venne rifatta nell'Ottocento dal Besia, decorata con un affresco del Sanquirico.

Bombardato durante l'ultima guerra mondiale, fu restaurato da Ferdinando Reggiori.

Bibliografia

AA.VV., Bramante in Lombardia, in "Bollettino dell'ANISA", XIX, n.1, dicembre 2000

AA.VV., Pavia. Architetture dell'età sforzesca, Torino 1978

Baroni C., Bramante, Bergamo 1944 (Bibl. d'Arte COLL N 35/12)

Bascapé G.C., I palazzi della vecchia Milano, Milano 1945, pp. 287-9 figg. 186-7

Bruschi A., Bramante, Laterza Bari 1985

De Pagave V., Dialogo tra un forestiere e un pittore che s'incontrano nella basilica di S. Francesco in Milano (ms. Biblioteca d'Arte)

De Pagave V., Bramante (ms. Ambrosiana Milano)

Ferrario G., Memorie per servire alla storia dell'architettura milanese dalla decadenza dell'Impero romano fino ai nostri giorni, Milano 1843, p. 855

Frigerio, Gli affreschi di Bramante a Milano, Bergamo 1906 (Bibl. d'Arte R.B. Op 320)

Gengaro M.L., Affreschi del quattrocento scoperti a Milano, in "Illustrazione Italiana", Milano, n° 11

Latuada S., Descrizione di Milano, Milano 1737

Lomazzo G.P., L'idea del Tempio della pittura, Milano, 1590

Mezzanotte P.-Bascapé G.C., Milano nell'arte e nella storia, Milano 1968, pp. 492-494

Mongeri L., L'arte in Milano, Milano 1872, pp. 460-63

Pagani S., Milanesi dimenticati. Profili, appunti e ricordi, ed. Virgilio, Milano 1973

Patetta L., L'architettura del Quattrocento a Milano, Milano 1991, pp. 338-342

Rosa G.-Reggiori F., La casa Silvestri, Milano 1962 (Bibl. d'Arte CONS 15C36)

Storia di Milano, VII 422, 586, 633-5, 663, 664, 713; X 627; XII 562

Torre C., Il ritratto di Milano, Milano 1714

  Inizio pagina

Ultima modifica: lunedì 29 luglio 2002

mariagrazia.tolfo@rcm.inet.it